Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

IL MERCATO DELL’OLIO D’OLIVA IN MESSICO

 

Messico olio report

 

Il Mercato dell’OLIO D’OLIVA in MESSICO
Report 2024


Formato: PDF
Prezzo: Euro 42
Codice prodotto: MEX24OOREP
Pagine: 64
Stato: in preparazione

Indice Report: Dati generali - Rischio paese - Quadro macroeconomico - Il mercato dell'olio d'oliva: caratteristiche principali - La produzione nazionale - Import-Export di olio d'oliva - Consumo - Dati e statistiche - Normativa di settore - Norme sull’importazione di olio d'oliva - Tariffe, tassazione e barriere doganali - Etichettatura prodotti - Distribuzione commerciale - Canali di vendita dell'olio d'oliva - Catene della GDO (grande distribuzione organizzata) - Settore Horeca (Hotel restaurant and catering) - Negozi specializzati - Altri canali commerciali - Formazione dei prezzi - Comportamento dei consumatori - Tendenze e prospettive - Strategie di entrata nel mercato - Fiere di settore - Mass media di settore - Indirizzi utili.

 

Messico olio database

 

 

Il Mercato dell’OLIO d’OLIVA in MESSICO
Database 2024

Formato: Excel
Prezzo: Euro 38
Codice prodotto: MEX24OODB
Numero riferimenti: 100
Stato: in preparazione

Indice Database. Elenchi, in formato Excel, completi di: nome, ragione sociale, tipologia commerciale, indirizzo, città, telefono, fax, sito web, e-mail, altri dati e informazioni utili di: Importatori - Distributori - Grossisti - Catene della GDO (Grande distribuzione organizzata) - Operatori settore Horeca (Hotel, restaurant, catering) - Negozi specializzati al dettaglio e online - Ristoranti di cucina italiana.

 

Il MERCATO dell’OLIO d’OLIVA in MESSICO Report + Database a soli Euro 64
(sconto del 20%)

Per acquistare inviate una e-mail all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

indicando i Vostri dati: Nome e/o Ragione Sociale, indirizzo, città, e-mail, eventuale recapito telefonico, Partita Iva o Codice Fiscale e il codice del/dei prodotto/i richiesti.

 

Per un’analisi aggiornata, dettagliata e approfondita acquistate il Report e il Database.

 

IL MERCATO DELL’OLIO D’OLIVA IN MESSICO
BREVE INTRODUZIONE

Il Messico è la seconda economia dell’America Latina, dopo il Brasile, ha una popolazione di oltre 128 milioni di abitanti con un livello di reddito medio, attorno ai 10.000 Euro. La disoccupazione è bassa, attorno al 4,5%, il debito pubblico è di poco superiore al 45% del PIL, l’inflazione è attorno al 3,5% e la crescita del PIL nel 2016 è stata del +2,6%, nel 2017 del +2,1% e le previsioni per il 2018 sono di una crescita tra il 2 e il 3%, incognita Trump permettendo.
La popolazione, è per l’80% meticcia, per un 10% indigena e per un 10% bianca. Ci sono una sessantina di gruppi etnici e linguistici i principali dei quali sono: Nahuati, Maya, Mixtechi, Zapotechi, concentrati soprattutto nelle regioni meridionali e sud orientali del paese.
Metà della popolazione messicana ha meno di 24 anni e il tasso di crescita demografico è dell’1,8% annuo.
Il 78% dei messicani vive nelle aree urbane e, nelle aree metropolitane di tre grandi città: Città del Messico, Guadalayara e Monterrey si concentra un quarto della popolazione del paese.
La distribuzione del reddito e delle ricchezze è molto squilibrata, il 46% della popolazione vivrebbe al di sotto della soglia di povertà. Si calcola che circa 30 milioni di persone lavorino nella cosiddetta economia informale praticamente vivendo di attività agricole o di allevamento di sussistenza o di piccoli commerci.
L’economia messicana è molto dinamica, molto aperta agli scambi con l’estero, si trova in una posizione strategica, usufruisce di accordi commerciali preferenziali con i paesi limitrofi a cominciare da Stati Uniti e Canada.
L’economia messicana dipende molto dall’andamento di quella statunitense essendo gli Stati Uniti il principale mercato di esportazione per il Messico. Il paese ha più di 3.000 km di frontiera con gli Stati Uniti e fa parte di numerosi accordi di libero scambio, a cominciare dal NAFTA, con Stati Uniti e Canada.
Il Messico è considerato un paese emergente con ottime prospettive di crescita economica. Il paese è riuscito, negli ultimi anni, a mantenere solidi i fondamentali macroeconomici, è riuscito a mantenere una certa disciplina fiscale con bassi livelli di debito pubblico, le riserve internazionali sono consistenti e il sistema finanziario del paese è ben capitalizzato.
Il Messico è un grande produttore di materie prime energetiche a cominciare dal petrolio. Il settore petrolifero è il principale settore dell’export, seguito dal settore automobilistico.
Il sistema economico presenta un forte dualismo, da un lato ci sono aziende moderne, ben organizzate, competitive e, dall’altro lato, ci sono un’infinità di piccole e piccolissime aziende che operano in maniera inefficiente, al margine dell’economia formale.
Il mercato dell’olio d’oliva in Messico è costituito quasi totalmente da importazioni, la produzione nazionale è simbolica.
La produzione nazionale non supera le 1.000 tonnellate, il resto viene importato, ed è concentrata nella regione della Baja California ai confini con gli Stati Uniti.
Gli oli vegetali maggiormente consumati in Messico sono quello di girasole, il più venduto, quello di mais e quello di soia.
L’olio d’oliva sul mercato messicano è un prodotto “esotico”, estraneo alle tradizioni locali ma viene percepito come un prodotto sano anche se piuttosto caro soprattutto a confronto con il costo degli altri oli vegetali.
I consumi di olio d’oliva sono ancora bassi sul mercato messicano, in volume, circa 12.000 tonnellate all’anno, rappresentano poco più dell’1% dei consumi di oli vegetali ma in valore salgono al 5,4%.
Il dato significativo è che i consumi e quindi anche le importazioni sono in costante crescita, agevolate anche, va detto, dall’azzeramento dei dazi doganali e da altre facilitazioni.
I consumi negli ultimi cinque anni sono cresciuti di quasi un 20% in volume ma ben del 50% in valore. C’è quindi una fascia di popolazione con redditi medio-alti, molto attenta alla salubrità dei consumi alimentari che preferisce l’olio d’oliva anche se costa molto, in quanto riconosicuto come prodotto più salutare.
I consumi di olio d’oliva sono aumentati anche grazie al successo crescente della ristorazione mediterranea, italiana, francese, spagnola, greca, soprattutto a Città del Messico, la capitale, nelle principali città e nelle località turistiche.
Sul mercato messicano la Spagna ha un ruolo preponderante con una quota di mercato che si avvicina all’86% in volume, seguita a distanza notevole dall’Italia con il 9,5%. La Spagna è certamente agevolata dai legami storico-culturali e linguistici che ha con il Messico che per secoli è stato un possedimento spagnolo.

   

Analisi Mercati  

   

Chi è online  

Abbiamo 4 visitatori e nessun utente online

   
© ALLROUNDER